Home | Biglietteria | Contatti | Newsletter
Comune di Lucca Teatro del Giglio - Home page
 
Uff. Stampa Cartellone Teatro San Girolamo Teatro del Giglio
Progetti per le scuole Biblioteca LTL Opera Studio Osservatorio Operatori
 

La grande magia

venerdì 25 gennaio ore 21.00 
sabato 26 gennaio ore 21.00 
domenica 27 gennaio ore 16.30


Luca de Filippodi Eduardo De Filippo
con Luca De Filippo, Massimo De Matteo, Carolina Rosi 

regia Luca De Filippo

Le ragioni per le quali si sceglie una commedia sono sempre molteplici, ed è difficile trovare per tutte una spiegazione. La grande magia nasce in un contesto storico affine a quello di Napoli milionaria!, Filumena Marturano e Le voci di dentro; tuttavia trovo che questa commedia, rispetto alle altre che ho messo in scena sino ad ora, abbia uno sviluppo differente e del tutto originale. Fu rappresentata solo in due occasioni, in passato, una prima volta da Eduardo stesso, poi da Giorgio Strehler, nel suo spettacolo al Piccolo, e sono per me due grandissimi precedenti. Se negli altri tre testi che ho citato Eduardo aveva riflettuto sulla società e sui limiti, le ipocrisie, i condizionamenti che imponeva all’individuo, nella Magia lascia spazio all’introspezione e all’amara disillusione sulla possibilià di assistere, in Italia, ad un reale cambiamento. La speranza di un’inversione di tendenza è venuta meno: all’individuo non resta che cullarsi nell’illusione che tutto vada bene. Una scelta valida, utile a sopravvivere, ma perdente, nel privato, come nel pubblico. È un Eduardo cinico e disincantato quello che scrive La grande magia. Ci consegna l’immagine di un’Italia immobile, prigioniera di circostanze immutabili, un Paese che si lascia scivolare in un insensato autoinganno: come Calogero Di Spelta, preferisce credere che Marta, la moglie, non sia fuggita con l’amante, bensì che lo attenda chiusa nella piccola scatola di legno che l’illusionista Otto Marvuglia gli ha consegnato… Nella Magia è palesemente dichiarato anche il gioco del metateatro, non solo un espediente drammaturgico ma anche un’intima e accorata riflessione, che è giusto ricordare al pubblico, ma che mai sovrasta la finalità principale della commedia: raccontarci una storia, appassionarci a una vicenda umana, filtrata dalla lente di una straordinaria poesia.

Luca De Filippo

Comune di Lucca Teatro del Giglio - Home